E L’UOMO SI ACCORSE DI ESSERE NUDO

0
158

E L’UOMO SI ACCORSE DI ESSERE NUDO
di Massimo Cardilli

(Laboratorio Civiltà 15 marzo 2020 )
“E l’uomo si accorse di essere nudo…” (Genesi 3,7), mai richiamo ai Sacri Testi è più conforme di questo ai nostri momenti attuali.
E’ bastato un essere ultramicroscopico per spegnere rapidamente tutta la bramosia del mondo globalizzato in essere fino a ieri, altro che guerre o bombe, anch’esse producenti carneficine, ma mai con rapida diffusione come in maniera pandemica; dove sono i potenti del mondo politico ed economico, “democratico” o “non democratico”, con i loro diktat imposti ai normali uomini, con le loro velleitarie posizioni di comando, a “spadroneggiare” per una spartizione di interessi destinati solo ai pochi della loro cerchia.
E’ bastato questo esserino a spegnere l’interesse per le guerre (combattute o “costruite ad arte”, vedi Siria o Libia), che giornalmente ci venivano propinate dai media: intendiamoci, non è che d’un colpo non si spari più o d’un colpo gli uomini siano diventati più buoni. Adesso è diventato molto più importante conoscere e scrutare questo nostro mondo “civile”, dove i “civili” sono messi al muro dal COVID-19: assistiamo all’affannarsi dei nostri capi, immersi nella difficoltà di difendere il nostro status, con tutti gli svarioni eclatanti osservati e uditi da tutti (vedi Governo una settimana fa, vedi Trump qualche giorno fa, vedi Lagarde 48 ore fa).
Ancora si tarda a comprendere che la realtà futura che ci attende, la nostra vita futura è ormai totalmente modificata e lontana dalle nostre inveterate abitudini, sarà un vero lavoro di riconquista graduale di ciò che eravamo fino a 20-30 giorni fa, bastonati e positivamente ammaestrati dalla perfidia di questo esserino.
Facciamo in modo di non “accorgerci di essere nudi!…”.



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui